mappa

Seconda isola più grande del Mediterraneo, tre volte più grande della Corsica, la Sardegna è un paradiso ancora sconosciuto ai francesi. Autentico e preservato, il suo splendore è eguagliato solo dalla gentilezza dei suoi abitanti. Una terra di leggende accattivanti, le tracce del suo antico passato sono ovunque, dalle sue magnifiche spiagge alla cima delle sue misteriose montagne. Una destinazione che riempirà gli atleti, i contemplativi, le famiglie, le coppie e le bande di amici in una baldoria!

1. Fare il bagno nelle acque turchesi dell’arcipelago della Maddalena

Non c’è bisogno di andare ai Caraibi o alle Maldive per fare selfie al mare che faranno invidia ai tuoi seguaci! L’arcipelago della Maddalena, nel nord della Sardegna, è uno dei luoghi di vacanza preferiti degli italiani, e noi li comprendiamo: le sette isole principali (Razzoli, Santa Maria, Budelli, Spargi, La Maddalena, San Stefano, Caprera), poco abitata ma molto frequentata in estate, sono incredibilmente belle, così come gli isolotti circostanti (Mortorio, Soffi …). Le rocce granitiche scolpite dal vento, i rifugi di molti uccelli migratori, le spiagge da sogno a strapiombo (Cala Coticcio, Spiaggia Rossa, Chiecca del Morto, Cala Maiore, Cala Lunga …), dove la trasparenza dell’acqua rende possibile anche vedere Relitti romani!

Arcipelago della Maddalena, Sardegna

Arcipelago della Maddalena, Sardegna
Arcipelago della Maddalena, Sardegna © Marie Dufay

2. Partecipa ai carnevali nei villaggi dei pastori

A gennaio e febbraio, diversi villaggi organizzano il loro carnevale ancestrale. Veniamo da tutta l’isola per assistere (e partecipare) a queste impressionanti processioni rituali composte da figure antropomorfe e animali: a Mamoiada, la sfilata dei Mammuthones vestita con pelli di animali, i loro volti nascosti sotto una maschera di legno nera, e avanzano in attirare le pesanti campane sulla schiena. Gli Issohadores, riconoscibili dalle loro maschere bianche, catturano le ragazze nella folla del lazo. La provincia di Oristano è famosa per le sue spettacolari corse equestri, una sorta di giostra medievale che coinvolge decine di cavalieri mascherati in costumi tradizionali. Anche i villaggi di Ottana, Orotelli, Gavoi, Orani, Fonni, Samugheo, Ula Tirso e Bosa hanno esperienze incredibili.

Mammuthones, carnevale in Sardegna

Mammuthones, carnevale in Sardegna
Mammuthones, carnevale in Sardegna © Marie Dufay

3. Fai un viaggio tra surfisti (o kitesurf) in Sardegna

Sardegna, destinazione surf e kitesurf? Mille volte sì! L’isola, con i suoi 1850 km di costa, offre luoghi privilegiati per i praticanti principianti o esperti. Quando il maestrale soffia, i surfisti cadono in tutta Europa, specialmente in inverno, in particolare a Sa Mesa Longa (vicino a Oristano, sulla costa occidentale) dove il moto ondoso può raggiungere i 4m. L’area tra Cagliari e Villasimius, a sud, offre belle onde: Su Poettu, Chia, Porto Pino, Guroneddu, Marina di Capitana, Racca Point … Nello stesso perimetro, i punti di kitesurf sono contati anche con la pala; possiamo aggiungere Costa Rei, Porto Boot, Punta Trettu, Funtanamare … Le scuole sono numerose e quasi sempre affittano pagaie stand-up per giorni di tranquillità.

Road trip in Sardegna

Road trip in Sardegna
Road trip in Sardegna © Marie Dufay

4. Immersioni o snorkeling nel Mediterraneo

La Sardegna è un must per gli amanti delle immersioni: oltre al Parco Nazionale della Maddalena, l’isola di Tavolara (si dice che abbia ispirato l’isola del Dr. No per via della sua forma tabulare), quella di San Pietro oppure il Golfo di Cagliari offre alcuni dei fondali marini più belli del Mediterraneo. Relitti della seconda guerra mondiale, grotte sottomarine dove cresce il corallo rosso, cernie secche o affollate, murene, orate o scuole di tonno … c’è qualcosa che varia i piaceri e ci godiamo ancora meglio in autunno, quando i turisti hanno abbandonato. Immergersi con i delfini o le rovine punico-romane di Nora, un incredibile sito archeologico sommerso, è un’esperienza indimenticabile! In estate, il famoso apneista Umberto Pelizzari tiene corsi a Santa Teresa di Gallura.

Immersioni in Sardegna

Immersioni in Sardegna
Immersioni in Sardegna © Marie Dufay

5. Escursioni in un’incredibile varietà di paesaggi

La Sardegna è di 24.089 km2 di montagne, foreste, valli, canyon, burroni, scogliere, sentieri costieri, spiagge, ripidi promontori … Le sue meraviglie naturali, la sua fauna e flora sono idealmente scoperte a piedi. Culminante a 1834 m, le sue vette non sono alte come in Corsica, ma i massicci del Supramonte e del Gennargentu offrono centinaia di percorsi che conducono a villaggi remoti. Ad est, il favoloso Golfo di Orosei si nasconde nelle grotte di Cala Luna accessibili solo a piedi o in barca, e un famoso sito di arrampicata. A sud-ovest, l’Iglesiente presenta uno scenario insolito, con le sue antiche miniere in dune di sabbia che scendono verso il mare.Il Parco Regionale dell’Asinara a nord-ovest, Capo Figari, la costa dell’Ogliastra … tante alternative tanto attraenti quanto l’altra.

Grotte di Cala Luna, Sardegna

Grotte di Cala Luna, Sardegna
Grotte di Cala Luna, Sardegna © Marie Dufay

6. Gioca a jet-set sulla Costa Smeralda

La Costa Smeralda, precedentemente la zona più povera della Gallura, è dagli anni ’60 la tana del jet-set internazionale. Il lussuoso porto turistico di Porto Cervo è l’emblema di questa sontuosa costa lunga 55 km, dove ville allucinanti sono nascoste nella macchia, fuori dalla vista e dai paparazzi. Le sue spiagge e calette di sabbia bianca attirano ogni estate tutto ciò che il pianeta conta di pochi felici: le attraverserai con Cala di Volpe, con la maniglia di Pevero, Spiaggia del Principe, Rena Bianca, Piccolo Pevero, Liscia Ruja … Fallimento per gettare l’ancora in queste idilliache insenature a bordo del tuo yacht miliardario, puoi noleggiare un gommone per il giorno, o una barca diurna con equipaggio, per esplorare questa costa tra le più belle del mondo. Se il tuo budget è limitato, attendi fino alla fine di agosto o all’inizio di settembre, i prezzi diminuiranno drasticamente e avrai queste spiagge solo per te!

Noleggia una barca per scoprire la Costa Smeralda in Sardegna

Noleggia una barca per scoprire la Costa Smeralda in Sardegna
Noleggia una barca per scoprire la Costa Smeralda in Sardegna © Marie Dufay

7. Concediti le specialità locali in un agriturismo

Se ti piacciono le specialità della vicina Corsica (formaggi, salumi, liquore al mirto, vino, olive e castagne in tutte le loro forme, miele, frutta e verdura di stagione, pesce e frutti di mare …), le troverai in Sardegna. Ma l’isola italiana ha ancora molto da offrire ai buongustai: il suo pane carasau fine e croccante, le sue zuppe rustiche (con fagioli, finocchietto selvatico …) ma anche la sua pasta (la salsiccia malloredus e la salsa di pomodoro, i culurgiones alla menta e pecorino, la fregola con vongole o aragoste …). Per quanto riguarda la carne e la selvaggina, è una festa: budino di pecora, maialino da latte arrosto con mirto arrostito nel fuoco di legna, agnello cotto nelle ceneri … Anche il tonno, marinato, è delizioso. E come dessert, seadas, paste sfoglia ripiene di formaggio di pecora su cui viene versato un flusso di miele, vengono onorate. Il posto migliore per scoprire queste ricette tradizionali? Prenota in agriturismo: la Sardegna ha centinaia di casolari in azienda: i prodotti sono di prima classe, la cucina è ultra controllata, i piatti sono molto ricchi, il servizio è adorabile e i prezzi sono molto convenienti. Possiamo persino dormire sul posto!

Myrthe, una delle specialità culinarie in Sardegna

Myrthe, una delle specialità culinarie in Sardegna
Myrthe, una delle specialità culinarie in Sardegna © Marie Dufay

8. Ammira i murales tra i banditi di Orgosolo

La Barbagia montuosa è la regione più remota della Sardegna e i suoi abitanti hanno resistito, da tempo immemorabile, agli invasori. Questo robusto carattere di granito viene domato mostrando zampe bianche nei villaggi dei pastori, il più famoso dei quali è Orgosolo, roccaforte dei famosi banditi sardi che, secondo la leggenda, praticavano rapine e rapimenti di bestiame. Ci sono circa 150 murales (il primo è stato creato negli anni ’60 da un collettivo anarchico) che racconta la storia della Sardegna e del mondo ed esprime opinioni politiche piuttosto lasciate. Il loro stile evoca spesso Fernand Léger o Picasso. Un vero museo a cielo aperto molto insolito!

Adesivo murale a Orgosolo in Sardegna

Adesivo murale a Orgosolo in Sardegna
Adesivo murale a Orgosolo in Sardegna © Marie Dufay

9. Stupirsi della ricchezza architettonica in Sardegna

Se la Sardegna è una destinazione naturalistica straordinaria, la sua storia risale al Neolitico e, ovunque si vada, tracce del passato sono ovunque. Diverse migliaia di nuraghi, fortificazioni risalenti all’età del bronzo, punteggiano il territorio: il più noto è quello di Barumini (1200 a.C.). Ci sono più di 300 sepolture megalitiche chiamate “Tombe dei Giganti”. Tra le vestigia fenicie e cartaginesi (Nora), puniche e romane (Sant’Antioco, Tharros), le chiese romaniche (Bosa, Porto Torres) e le torri aragonesi (Stintino) … catturerai la tua attenzione! Il centro storico di Cagliari, capoluogo della Sardegna, è un gioiello di architettura; Oristano, città medievale, offre splendidi edifici religiosi. Castelsardo seduce con i suoi bastioni e i suoi vicoli genovesi, mentre Sassari combina tutti gli stili e gli abiti aragonesi di Alghero falso in aria Saint-Malo.

Nuraghi, torre di forma conica trovata in Sardegna

Nuraghi, torre di forma conica trovata in Sardegna
Nuraghi, torre di forma conica trovata in Sardegna © Marie Dufay

10. Crapahuter su affascinanti formazioni geologiche

Se ti piacciono le volute di granito della Bretagna o delle Seychelles, il rosso intenso degli altipiani di arenaria della Monument Valley, le formazioni carsiche cinesi o il candore delle insenature di Marsiglia, puoi solo essere deliziato in Sardegna, un vero Eden per amanti della geologia. A nord, a Palau, arrampica la famosa roccia dell’orso in granito rosa; l’intera Gallura è coperta! Gli affioramenti calcarei in particolare nel Supramonte e sulla costa orientale, dove le scogliere si tuffano nel mare turchese. Sulla penisola di Stintino ci sono rocce scistose, Alghero offre scogliere trachitiche, Bosa una costa vulcanica, rocce di porfido rosso di Santa Teresa o Arbatax, Capo Falcone di scisto copiosamente, scogliere di calcare giallo di Capo Mannu … Tira fuori la macchina fotografica, sei alla fine del mondo!

Escursioni in Gallura in Sardegna

Escursioni in Gallura in Sardegna
Escursioni in Gallura in Sardegna © Marie d

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *