mappa

La bellezza dei laghi italiani, che si è formata alla fine dell’ultima era glaciale, ha affascinato i viaggiatori sin dai tempi dei romani. Città essenziali, maestri della pittura italiana, attività sportive e panorami eccezionali, ecco le nostre migliori visite da non perdere se vai in questa parte del nord Italia.

1. L’ultima cena

Mentre Leonardo da Vinci dipinse l’Ultima Cena l’ultimo pasto di Cristo con gli Apostoli, un monaco stupito notò che spesso arrivava la mattina, esaminava il lavoro del giorno prima e lasciava rapidamente la scena. Potrebbe essere necessario contemplare il lavoro altrettanto brevemente, e questo, se si potesse ottenere un biglietto. Avrai ancora il tempo libero di vedere, di fronte allo splendore luminoso e alla drammatica tensione dell’opera, quanto le riproduzioni e il molto discutibile best-seller del Codice Da Vinci non gli rendono quasi giustizia.

iStock-160585076.jpg

Mosaico dell'Ultima Cena di Giacomo Raffaelli
Mosaico dell’Ultima Cena di Giacomo Raffaelli © sedmak – iStock

2. Il Duomo di Milano

Indipendentemente dalla tua prima visita a Milano, la vista della sua imponente cattedrale irta di frecce e contrafforti volanti colpisce inevitabilmente. Sotto lo sguardo benevolo della Madonnina dorata che la sormonta, sarai in grado di vagare sulla terrazza sul tetto con la sensazione di avvicinarti ai cieli. In una giornata limpida, la vista si estende, dicono, al Cervinoma la mitica nebbia milanese rovina spesso lo spettacolo.
 

3. Opera a Verona

Nelle sere d’estate, quando circa 14.000 amanti della musica investono i gradini dell’Arena romana di Verona e accendono le candele, non possiamo fare a meno di avere la pelle d’oca. Il festival, inaugurato nel 1913, è ora il primo evento lirico all’aperto al mondo. Attrae i migliori cantanti e brilla per la qualità della sua messa in scena. Le produzioni di Carmen e Aïda firmate Franco Zeffirelli hanno segnato gli spiriti.

iStock-1088060292.jpg

L'arena romana di Verona ospita numerosi spettacoli in estate
L’arena romana di Verona ospita numerosi spettacoli in estate © alxpin – iStock

4. Le opere di Mantegna a Mantova

Figlio del carpentiere e genero del pittore veneziano Iacopo Bellini, Andrea Mantegna studiò a Padova e realizzò la Pala di San Zeno per la Basilica di San Zeno di Verona. Visse a Roma, poi entrò al servizio della corte di Mantova nel 1460. I suoi dipinti denotano un approccio scultoreo alla pittura che ricorda l’antichità classica. Il suo Compianto sul Cristo morto, alla Pinacoteca di Brera a Milano e alla Camera degli sposi del Palazzo Ducale di Mantova, non ha perso nulla della loro bellezza.

5. Il Bellagio

Il bellissimo Bellagio è stato un hotspot fin dai tempi dei romani. Arroccato su un promontorio sul lago di Comofu oggetto di molte lussuria come testimoniano le sue fortificazioni in rovina. Se gli antichi romani piantavano olive e allori, i loro discendenti prosperavano giardini di camelie e rododendri. In estate, gli amanti vengono a fare una passeggiata mentre gli edonisti si tuffano nelle acque blu dal pontone del Lido.

iStock-163520997.jpg

Il Bellagio visto dal lago di Como
Il Bellagio visto dal lago di Como © deimagine – iStock

6. I vigneti della Valpolicella

Dall’Oltrepò Pavese, nei pressi di Pavia, all’uva della Valtellina, all’ombra delle Alpi, alla frizzante Franciacorta, La Lombardia è l’ideale per l’enoturismo. L’Amarone, un vino rosso di spicco della regione, viene prodotto nella Valpolicella seguendo un processo greco risalente al VI secolo. Assapora i migliori vini a Villa della Torre, progettata dall’architetto Giulio Romana (1499-1546) e ora collegata alla prestigiosa famiglia Allegrini.

7. I negozi di Milano

Per ogni fashionista che si rispetti, una spedizione al Quadrilatero d’Oro di Milano,mecca della moda su scala globale, è indispensabile. E anche se la vetrina non è la tua tazza di tè, il balletto dei seduttori con capelli argentati e costume fatto su misura, modelli con gambe infinite e borghese bardato con accessori di design che si affrettano alla Pasticceria Marchesi oppure vale la pena dare un’occhiata a Pasticceria Cova.

fotolia_47658066_subscription_monthly_xl.jpg

La famosa Galleria Vittorio Emanuele II di Milano, ben nota alle fashioniste!
La famosa Galleria Vittorio Emanuele II di Milano, ben nota alle fashioniste! © Ivan Floriani – Fotolia

8. Il palazzo delle Isole Borromee

Le forme del Golfo Borromeo il posto più bello del Lago Maggiore, le isole omonime che ospitano i sontuosi palazzi della famiglia Borromeo. Sull’Isola Bella, il grande Palazzo Borromeo ha un giardino su dieci livelli e una sala del trono dorata. Sull’Isola Madre, pavoni bianchi vagano per i giardini che confinano con l’antica residenza estiva che ospita un teatro di marionette progettato dal decoratore della Scala di Milano. In estate, il palazzo è occupato dalla famiglia Borromeo.

iStock-517613280.jpg

Sull'Isola Bella, il grande Palazzo Borromeo ha un giardino su dieci livelli
Sull’Isola Bella, il grande Palazzo Borromeo ha un giardino su dieci livelli © xenotar – iStock

9. I maestri della pittura

Fondata alla fine del XVIII secolo, la Pinacoteca di Brera a Milano e l’Accademia Carrara a Bergamo, presentano molti maestri italiani come Tiziano, Tintoretto, Botticelli, Raffaello, Caravaggio e i fratelli Bellini. Queste centinaia di capolavori costituiscono un panorama della pittura italiana dal XV al XVIII secolo. Nel 2015, grazie a un investimento di 10 milioni di euro e sette anni di lavori di ristrutturazione, l’Accademia Carraraa ha riguadagnato una posizione internazionale.

10. Escursioni magiche

Circondato da cime alpine che si riflettono sui laghi, Il Nord Italia è una destinazione di scelta per gli escursionisti. A sud, le città di Stresa, Como e Salò hanno passeggiate smaltate con aiuole da cui sentieri di pellegrinaggio e mulattiere si arrampicano sulle colline. Una delle escursioni più belle,il Dorsal del Triangolo Lariano, collega Como a Bellagio serpeggiando lungo una cresta che domina il Lago di Como. Prendi la funicolare per Brunate per raggiungere il punto di partenza.

11. Locarno, Svizzera

Già attaccata al ducato longobardo di Anghera, la città svizzera di Locarno ospitò nel 1925 l’omonimo trattato che avrebbe portato la pace in Europa dopo la prima guerra mondiale. Dedicata oggi al piacere, offre una bella passeggiata, chiese con affreschi e magnifiche vedute accessibili con la funivia. Molti festival si svolgono in estate, come l’International Film Festival, che ogni sera dà luogo a proiezioni all’aperto in Piazza Grande.

iStock-1055935016.jpg

Il Golfo di Locarno, qui visto da Indemini, si trova nella parte settentrionale (e quindi svizzera) del Lago Maggiore
Il Golfo di Locarno, qui visto da Indemini, si trova nella parte settentrionale (e quindi svizzera) del Lago Maggiore © ChrisRinckes – iStock

12. La Villa Carlotta

Immagina un paesaggio tra sogno e realtà, tipo di teatro vegetale dove le statue, le fontane e le sculture sembrano vive e dove il rumore dell’aria dell’increspatura dell’acqua in false grotte intarsiate di conchiglie. Questo mondo non ha nulla di immaginario, è quello dei giardini di Villa Carlotta sulle rive del lago di Como. Offerto a una principessa prussiana al suo matrimonio, la proprietà è piena di statue di Antonio Canova e i giardini sono decorati con i migliori rododendri, azalee e camelie d’Europa.

13. Pieno di sport acquatici sul Lago di Garda

A Riva del Garda, da Punta Lido, gli amanti di vela, windsurf, kitesurf e parapendio arrivano a misurarsi contro i venti di cui Virgilio ha già parlato. ilbuccia, che soffia le montagne del mattino a sud, lascia il posto al pomeriggio e fino al tramonto all’ora, una brezza delle valli del sud. Circa venti altri venti, tra cui Ander, Fasanella e la violenta vigna di Verona, spazzano anche il lago.

iStock-158875721.jpg

La città alta di Bergamo (Città Alta) mescolava vicoli medievali e architettura romanica lombarda.
La città alta di Bergamo (Città Alta) mescolava vicoli medievali e architettura romanica lombarda. © Charles03 – iStock

14. Bergamo il medievale

Bergamo città ai piedi delle Alpi Orobiche, Bergamo unisce architettura, ambiente naturale e splendide vistema è definito soprattutto dalla sua dualità. La città alta (Città Alta) mescolava vicoli medievali e architettura romanica lombarda. Le Corbusier considerava Piazza Vecchia come il luogo più bello d’Europa. Ci sono eleganti palazzi rinascimentali, come Palazzo Nuovo, in marmo bianco, che ospita una delle biblioteche più importanti d’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *