mappa

Eubea e le quattro isole delle Sporadi rimangono in gran parte sconosciute alla folla. Seconda isola della Grecia per dimensioni, l’Eubea sembra ancora nascosta in piena luce. Lontano dal trambusto urbano, piccole fattorie e vigneti, monasteri, baie segrete e spiagge punteggiano i paesaggi di questa grande isola con l’ambiente preservato. Vi diamo 8 buoni motivi per andare a scoprirlo e visitare le splendide Sporadi, in Grecia.

1. Un’escursione attraverso le verdi gole di Dimosari, a sud di Eubea

questo bella pista ben tenuta 10 km sono coperti in 4 ore (nuoto incluso). Inizia nel villaggio di Petrokanalo, a 950 m di altitudine, e scende attraverso il villaggio di Lenosei fino al mare. Gran parte di questa magnifica marcia segue un sentiero lastricato, passando attraverso calette ombreggiate, piccoli stagni, felci giganti e boschi, prima di arrivare alla spiaggia di sabbia e ghiaia di Kallianos.

2. I delfini del Parco marino di Alonissos

In un paese distinto solo da a visione a lungo termine delle questioni ecologiche, il Parco nazionale marino di Alonissos – il più grande parco marino d’Europa – è una felice innovazione. È stato creato nel 1992 con l’obiettivo primario di proteggere la foca monaca del Mediterraneo e diversi rari uccelli marini. In estate, le barche autorizzate fanno gite nel parco da Alonissos e Skopelos. Probabilmente non vedrai la timida foca monaca, ma probabilmente vedrai i delfini. Acquista i biglietti presso le agenzie sul lungomare.

adobestock_164697913.jpeg

Vai a vedere il parco marino di Alonissos
Vai a vedere il parco marino di Alonissos © milangonda – Adobe Stock

3. Una passeggiata a Skopelos

Skopelos è una bellissima isola ricoperta di pini, vigneti, ulivi, susini e mandorli, i cui frutti adornano le specialità locali. Come la vicina isola di Skiathos, le alte scogliere della costa nord-occidentale sono esposte, a differenza della costa sud-orientale, più riparate e dotate di diverse spiagge di sabbia e ghiaia. Ci sono due villaggi: il piacevole porto principale di Skopelos (Hora) sulla costa orientale, e il villaggio di Glossa, a nord-ovest, a 2 km da Loutraki, il secondo porto dell’isola.

adobestock_85724178.jpeg

Cap d'Amarandos sull'isola di Skopelos
Cap d’Amarandos sull’isola di Skopelos © figoolka – Adobe Stock

4. Skyros

L’isola più grande delle SporadiSkyros è divisa in due parti: a nord, piccole baie, terreni coltivati ​​e pinete; a sud, colline aride e una costa rocciosa. Nella mitologia greca, Skyros servì da nascondiglio per il giovane Achille che in seguito si unì a Troia su un cavallo di Skyros. Li vediamo ancora piccoli cavalli selvaggi minacciati di estinzione attraverso l’isola. Oggi l’isola ha un atmosfera alla moda rimanendo fuori dai sentieri battuti. Skyros è anche apprezzato dagli ornitologi che cercano di vedere la bella sagoma del falco di Eleonore, che migra dall’isola al Madagascar. La città di Skyros, arroccata su un picco roccioso, e una base tranquilla senza auto.

adobestock_163728111.jpeg

Vista di Chora, la capitale di Skyros
Vista di Chora, la capitale di Skyros © milangonda – Adobe Stock

5. Un bagno nelle acque di Loutra Edipsou, sull’Eubea

Questa spa, più visitati nell’Eubea settentrionaleè noto fin dall’antichità per le sue acque solforose terapeutiche, di cui eminenti personalità, come Aristotele, Plutarco o Strabone, cantavano le lodi. Oggi la città accoglie i più avanzati centri di idrokinesiterapia in Greciae diversi hotel dispongono di strutture moderne. La spiaggia comunale (Paralia Loutron) consente nuotare tutto l’anno grazie alle sorgenti termali che vi scorrono.

adobestock_31975479.jpeg

Fai un bagno nelle acque di Loutra Edipsou
Fai un bagno nelle acque di Loutra Edipsou © vinciber – Adobe Stock

6. Escursione al Monte Ohio

Da Myli, un’escursione di 4 ore conduce alla vetta (1398 m), si può passare la notte in un rifugio a 1000 m per arrivare con il sole. Oltre alla vista prodigiosa che offre sul Mar Egeo, il sito ti permette di scoprire un’incredibile costruzione megalitica il nome di drakospita. Numerando una ventina, sono chiamati “case del drago” a causa delle dimensioni dei massi che li compongono, assemblati senza malta.

7. Le spiagge di Skiathos

L’isola conta 65 spiagge, tutti serviti sulla costa meridionale grazie alle 26 fermate (numerate) degli autobus che la attraversano, oltre gli accessi al mare. Il primo lungo tratto di sabbia che merita una sosta è la spiaggia di Vromolimnos, ampia e fiancheggiata da pini. La strada prosegue poi verso la spiaggia di Koukounariès, 1,2 km di sabbia bianca incastonata tra una pineta e una piccola laguna – è preso d’assalto in estate. A ovest, Big Banana deve il suo nome al suo jcurva olie di sabbia bianca bordata di bar sulla spiaggia. Mezzo chilometro più a nord, lo stretto arco della spiaggia di Agia Eleni attira i surfisti. Un sentiero sotto i pini conduce alla spiaggia di Mandraki, delimitata da sabbia soffice e una buona taverna. Ti permettiamo di trovare per te le altre spiagge …

adobestock_94770445.jpeg

Metti il ​​tuo asciugamano sulla spiaggia di Agia Eleni
Metti il ​​tuo asciugamano sulla spiaggia di Agia Eleni © Lucian Bolca – Adobe Stock

8. Palea Alonissos

Posto incantevolePalea Alonissos, o Alonissos (Hora), offre una vista superba attraverso le sue strade tortuose, punteggiate da scale. Una mulattiera di 2 km lascia il villaggio per raggiungere la spiaggia di Mikros Mourtias, mentre all’uscita del paese un altro sentiero scende fino a la bellissima spiaggia di ciottoli da Megalos Mourtias, fiancheggiato da un bar e una manciata di piccoli ristoranti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *