mappa

Difficile scegliere tra le 227 isole dell’arcipelago greco delle Cicladi: tutte hanno attrazioni molto specifiche, sebbene ci siano ovunque case bianche, chiese con cupole blu e mare turchese. Se stai cercando pace, autenticità e pronto all’uso, i piccoli Kimolos soddisferanno tutti i tuoi desideri.
Con 36 km2 e 700 abitanti (la metà in inverno), Kimolos è l’antitesi del suo vicino Milos, per non parlare di Santorini o di Mykonos. Qua, nessun night club, negozi di marca, hotel e ristoranti a bizzeffe : solo una strada asfaltata e alcune strade sterrate consentono di percorrere le coste meridionali e orientali dell’isola, il resto viene scoperto solo in barca, a piedi o sul dorso del mulo, mezzo di trasporto ancora utilizzato dai piccoli agricoltori installato sulle altezze.

balade_a_dos_de_mule.jpg

Giro in mulo, Kimolos, Grecia

dans_chorio.jpg

Chorio, Kimolos, Grecia

Un’isola preservata

Soprannominato Arzantiera nel Medioevo dai marinai veneziani a causa delle sfumature argentee delle sue rocce, Kimolos è un paradiso per gli amanti della geologia L’attività vulcanica ha lasciato nel suo terreno minerali e pietre semipreziose, il cui sfruttamento ha sempre permesso agli abitanti di garantire la propria sussistenza. Ricco di gesso (in greco “kimolia”), un minerale argilloso con virtù terapeutiche fin dalla preistoria, l’isola ospita anche sorgenti termali. Ancora oggi ci sono molte miniere a Kimolos, soprattutto sopra la spiaggia sublime di Prassa, il che probabilmente spiega perché il turismo non si è sviluppato lì. Ma la sua classificazione nella zona di Natura 2000 proibisce anche qualsiasi nuova costruzione: nessun rischio quindi di vedere sistemare un enorme complesso alberghiero su Bonatsa, Aliki o Kalamitsi, le belle spiagge di sabbia bionda situate nel sud dell’isola.

flore.jpg

Fiori sull'isola di Kimolos, in Grecia

Spiagge con più attrazioni

Precedentemente collegato a Milos, Kimolos è stato separato da un terremoto. Quindi, sul sito di Ellinika, nella parte occidentale dell’isola, si può vedere un’antica necropoli sulla rocciae i resti di a antica città affondata a pochi colpi dalla spiaggia. Nelle vicinanze, le lunghe spiagge di Mavrospilia e Dekas offrono le loro acque cristalline amanti dello snorkeling: possiamo anche incontrare le tartarughe marine!

L’idilliaca spiaggia di Soufi, a nord, è di difficile accesso, ma merita il disturbo che daremo per unirci ad esso. Puoi anche chiedere ai pescatori di portarti in barca sulla vicina isola, Poliegos: disabitata, ha bellissime insenature dove si incrociano solo capre selvatiche e talvolta qualche foca monaca.

mavrospilia.jpg

Mavrospilia, Kimolos, Grecia

Ellinika, Kimolos

Ellinika, Kimolos

Un’isola molto naturale

Anche se questoasciuttoKimolos è coperto con 400 specie di piante mediterranee, molte delle quali lo sono aromatico o medicinale ; il loro accattivante profumo sublima la minima passeggiata sulle piccole mulattiere, dove crescono fichi ispidi di Barbary, capperi, giglio di sabbia … In collina, l’isola – che sale a 397 m – è piena di ulivi, fichi, viti. Ovunque capre, asini e mucche punteggiano questo paesaggio sereno, dove il tempo sembra essersi fermato. Non ci mancherà andare a Skiadi, un fantastico fungo a forma di roccia scolpito dai venti, che si affaccia su un favoloso panorama delle isole vicine. Ovunque, dozzine di cappelle, il cui bianco brillante fa eco al blu intenso del Mar Egeo, ispirano un profondo senso di tranquillità.

skiadi.jpg

Skiadi Rock, Kimolos, Grecia

Incontra la gente del posto

Gli abitanti sono concentrati a Chorio, il villaggio costruito intornouna bellissima cittadella franca oggi in rovinachiamato il Kastro. In questo labirinto di incantevoli vicoli bianchi fiancheggiati da ciottoli, chiese in movimento (la più antica fu costruita nel 1592), due piccoli musei archeologici e marittimi, alcune taverne, bar e negozi, due mini market, una farmacia e un piccolo centro medico. I turisti sono accolti con estrema gentilezza e gusto il ritmo tranquillo delle Cicladi di una volta.
Il piccolo villaggio di pescatori di Goupa è una vera cartolina, con i suoi garage colorati per barche e le rocce rotonde di tufo, perfette per prendere il sole.
A Psathi, il porto dove arrivano i traghetti da Milos, ci sono alcuni posti carini in cui pranzare o rinfrescarsi con un caffè di successo, comodamente seduti all’ombra sulle sedie a sdraio sulla spiaggia.

goupa.jpg

Goupa, Kimolos, Grecia

Come arrivare a Kimolos?

Con la compagnia greca Aegean, che offre voli giornalieri Parigi-Milos via Atene in 5 ore (conta circa 194 solo andata). Da Atene, ti imbarchi poi con Olympic Air, una filiale dell’Egeo, che garantisce collegamenti con le Cicladi e rende possibile andare alle isole molto più velocemente che optando per un volo a basso costo spesso sinonimo di lunga sosta ad Atene. A Milos, dovrai prendere un taxi dall’aeroporto al porto di Pollonia (circa 25 euro), quindi il traghetto per Kimolos (circa 2 euro, 20 minuti) o un taxi d’acqua ( circa 25 euro, 20 minuti di viaggio).

dans_chorio_4.jpg

Chorio, Kimolos, Grecia

dans_chorio_5.jpg

Chorio, Kimolos, Grecia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *