mappa

L’Irlanda è un paese di superlativi. Dal grandioso Giant’s Causeway al pub più tipico dell’Ardara in Donegal, al festival più “d’amore” a Lisdoonvarna nella Contea di Clare, ecco la Top 8 dei “vantaggi” dell’Irlanda. Lasciati coinvolgere dal “Craic” o, in altre parole, dalla gioia di vivere, dal divertimento irlandese, il tutto accompagnato da Guinness, ovviamente!

Il pub più tipico: Nancy’s in Ardara nel Donegal

Ardara, Contea di Donegal. Nella cavità della strada che sale verso Glenties, impossibile non notare il nome di Nancy, scritto a grandi lettere nere sul pignone della casa. Sulla facciata, due porte. Ti faremo scoprire quale ti porterà all’interno di questo pub, uno dei più occidentali dell’Irlanda, nel suo labirinto di stanze minuscole. Quasi scivola nella testa, come in una casa hobbit in cui il pavimento in pietra, i mobili in stile casa delle bambole, il camino e i ganci appesi sopra il bar creano un ambiente intimo e congelato in un’altra epoca. Qui viene servita la ricca Guinness, una succulenta zuppa di pesce e deliziose ostriche del Donegal. Sette generazioni ormai che la famiglia McHugh gestisce il negozio. L’ultimo ha spinto le pareti e ha aggiunto una grande stanza nella parte posteriore dove si riunisce per il seisiún della musica irlandese.

La spiaggia più bella: Bundoran

Navigare in Irlanda? Sì. L’isola è famosa per i suoi spot per gli sport acquatici, tra i più belli del mondo. Grazie alle correnti provenienti da sud-ovest nel prolungamento della Corrente del Golfo, sembra che l’acqua sarebbe quasi buona! Più a sud, nella contea di Mayo, Achill Island è popolare tra i surfisti di aquiloni. Ma qui a Bundoran, il surf è il re. Bisogna ammettere che la lunga spiaggia di Tullan Strand che rotola la sua sabbia bionda su quasi 2 km si presta perfettamente. Il punto, rivolto a ovest, con lo sfondo delle colline di Sligo a sinistra e quelle del Donegal di fronte, ha tutto da sedurre. Possiamo persino vedere australiani e altri neozelandesi venire qui per affrontare l’onda. Perché Bundoran è famoso non solo in Irlanda ma anche in tutto il mondo. Nel 2012, National Geographic lo ha citato nel suo le 20 migliori destinazioni per gli amanti del surf. Per gli amanti della spiaggia, lascia i surfisti più grandi e pericolosi e piega i suoi vicini, affascinanti in ampie calette.

plage_de_bundoran _-_ c_laurent_gontier.jpg

Bundoran Beach
Bundoran Beach © Laurent Gontier

Le scogliere più impressionanti: Slieve League

Sulla costa del Donegal, la Slieve League – le scogliere di Sliabh Leag – in irlandese, sono uno dei siti più belli della Wild Atlantic Way, la strada panoramica lungo l’ovest dell’Irlanda. Uno dei più essenziali, comunque. Con poco più di 600 m di altitudine, sono i secondi più alti d’Europa. Derivano dal crollo nel mare di intere sezioni del massiccio. Le fratture nitide che hanno lasciato nell’oceano hanno creato picchi spettacolari fino a 300 m. La maestosità del luogo è tale che lo è difficile capire le dimensioni del sito che viene offerto agli occhi. Solo i gruppi di uccelli che girano qua e là nell’immensità consentono di realizzare la scala. Dalla città di Teelin, la Slieve League può essere scoperta lungo due percorsi: verso la cima attraverso il sentiero del Pellegrino e lo stretto e vertiginoso One Man’s Pass, o più semplicemente, in auto, fino al punto di vista di Bunglass raggiunto dopo una breve passeggiata.

adobestock_91974204.jpeg

Le scogliere della Slieve League, nel Donegal, sono le seconde più alte in Europa.
Le scogliere della Slieve League, nel Donegal, sono le seconde più alte in Europa. © alexanderkonsta – Adobe Stock

Il festival più “d’amore”: il Festival del matchmaking di Lisdoonvarna

Alla fine della contea di Clare, da fine agosto a metà ottobre, la Guinea Lisdoonvarna e, soprattutto, in cerca dell’anima gemella. E sì, per sei buone settimane il villaggio vive al ritmo dell’amore e coppie che formano, incontri, balli e viaggi al pub! La tradizione risale a più di 150 anni quando i contadini irlandesi stavano lottando per trovare una moglie vicino a casa. E viceversa! Dato che, nonostante l’evoluzione della società, dei siti e di altre app di incontri, il festival è sempre pieno, al contrario; vede la sua presenza aumentare ogni anno. E non veniamo solo dai quattro angoli dell’Irlanda ma da tutto il mondo: uomini e donne dai 18 agli 80 anni! Se, nonostante le opportunità, fai fatica a incontrare l’anima gemella, vai a trovare Willie, il matchmaker. Officia ogni sera al Matchmaker Bar. Pagando una piccola somma, ti compilerà un modulo e ti aiuterà a trovare la persona dei tuoi sogni. Anche se sei una coppia, fai un viaggio al Matchmaking Festival per immergerti nella sua atmosfera elettrica! Goditi anche il tuo tempo nella zona da fare una gita al mare sull’isola di Aran, molto vicino.

L’angolo più mistico: il Purgatorio di San Patrizio

È un’isola nel mezzo di un lago, nel cuore di un paesaggio desolato dove la vegetazione magra sembra bruciata da un respiro soprannaturale. Nessun lago, questo Lough Derg, il “lago rosso”, in irlandese, rosso sangue di serpenti che San Patrizio avrebbe precipitato nelle sue acque. Ecco perché non ce ne sono stati da allora in Irlanda. E nessuna isola, poiché su divina ingiunzione, il Santo, colpendo il terreno con un gran colpo del calcio, aprì nel terreno un buco direttamente collegato al Purgatorio. Per secoli i pellegrini di tutta Europa convergevano qui. Dall’Ungheria, dalla Catalogna e altrove. I Lourdes dell’epoca. Più vicino e soprattutto meno pericoloso di una spedizione in Terra Santa. Ancora quello. Per più di un pellegrinaggio, è stato un vero calvario mistico: due settimane di digiuno seguite da un’intera giornata rinchiusa nella grotta dell’isola, soggetta ai tormenti dell’Inferno, con il rischio di perdere per sempre. Alla fine, il perdono dei peccati, passato e futuro. Il gioco valeva la candela. Oggi, sull’isola trasformata in un hotel sul lago, il pellegrinaggio continua sotto forma di sessioni da uno a tre giorni (ricordati di prenotare). La prova della buca, ora bloccata, viene simbolicamente sostituita da una notte di preghiera nella chiesa. La mortificazione è più morbida e consente biscotti e tè nero solo per l’ordinario. L’atmosfera, irreale e mistica, è ancora lì, e la navigazione in barca sulle acque rosse del lago mantiene l’aria che attraversa lo Styx. Un viaggio in un altro mondo.

patrick puragtoire_de_saint -_-_ c_elisabeth_blanchet.jpg

Il purgatorio di San Patrizio
Il purgatorio di San Patrizio © Elisabeth Blanchet

La città con più nomi: Londonderry / Derry

Attenzione, questo è un argomento molto delicato: come chiamare questa grande città dell’Irlanda del Nord – seconda in termini di popolazione dopo Belfast -: Derry o Londonderry? Bene dipende da chi siamo! Ufficialmente, risponde al nome di Londonderry. È così che lo chiamano gli unionisti irlandesi – discendenti di coloni scozzesi, inviati dagli inglesi per colonizzare la terra irlandese alla fine del XV secolo. Il prefisso “Londra” segna chiaramente l’appartenenza al Regno Unito e mette profondamente a disagio i repubblicani che non vogliono “Londra” in Irlanda! Mentre attraversi Londonderry o Derry, vedrai che la divisione tra le due comunità non risuona solo nel nome della città. Anche i quartieri sono divisi, ciascuno con i suoi affreschi murali che riflettono le rispettive cause e appartenenza. È necessaria una visita nel Bogside per gli affreschi dei repubblicani e nel quartiere La fontana per le immagini unioniste. Londonderry o Derry è anche noto per l’assedio di Derry nel 1689, contro la Marina inglese, e per i tragici eventi della Bloody Sunday nel 1972, durante il quale 27 manifestanti pacifisti repubblicani morirono nel Bogside sotto i proiettili dell’esercito britannico.

adobestock_89840928.jpeg

Londonderry, Irlanda
Londonderry, Irlanda © hecke71 – Adobe Stock

La visita più alcolica: The Guinness Brewery a Dublino

L’Irlanda fa rima con Guinness. Difficile fare tre passi la grande isola d’Irlanda senza cadere su un acronimo di questa bevanda inventata da Arthur Guinness nel 1759. Ma attenzione, lo adoriamo o non ci piace questo nero robusto, che indossa una schiuma bianca. Ha davvero un gusto amaro molto particolare. Ricco di calorie, si dice che nutre anche il suo consumatore! La sua storia è strettamente legata a quella dell’Irlanda. Ad esempio, il signor Guinness era ben noto per non aver assunto cattolici nella sua fabbrica. D’altra parte, vendere il suo drink ai cattolici non gli ha posto alcun problema. Fortunatamente, le cose sono cambiate e qualunque sia il suo “campo”, la Guinness è diventata universale. Per scoprire la sua storia e inebriarti di vapori e sorsi di Guinness, visita la fabbrica di Dublino, la Guinness Storehouse, degustazione a supporto sulla terrazza sul tetto !

vielle_pub_pour_guinness.jpg

Pubblicità vintage per Guinness
Pubblicità vintage per Guinness © Elisabeth Blanchet

Il sito più colossale in Irlanda: il Giant’s Causeway

La leggenda narra che ne deriverebbe questa pavimentazione di pietre nel mareun conflitto tra due giganti Irish Finn MacCool e Scotland’s Benandonner. Date le loro dimensioni, era impossibile per loro viaggiare in barca. All’improvviso, Finn trovò una soluzione: costruire una pavimentazione di pietre tra i due paesi. Più grande e più forte di Finn, Benandonner decise di prendere la strada. La moglie di Finn si spaventò e mascherò suo marito da bambino. Quando Benandonner arrivò e scoprì le dimensioni del bambino, prese le gambe al suo colpo per paura di incontrare il padre! E da non seguire, distrusse la carreggiata alle sue spalle. Oggi, rimane di questa storia un’affascinante serie di giganteschi pilastri di pietra ai piedi delle scogliere vicino a Bushmills fino a nord dell’Irlanda del Nord. Mentre avanziamo nel mare, le lastre esagonali si susseguono e si livellano come se formassero la famosa Via del Gigante. Con la bassa marea, è anche possibile portare questa pavimentazione di pietre per alcune centinaia di metri fino a quando scompare sotto le onde … in Scozia. Un ottimo sito da visitare!

gettyimages 109705525 -_-_ causeway.jpg

A nord di Belfast, la Giant's Causeway nella contea di Antrim è forse il punto di riferimento più iconico dell'Irlanda.
A nord di Belfast, la Giant’s Causeway nella contea di Antrim è forse il punto di riferimento più iconico dell’Irlanda. © Stuart Stevenson Photography / Momento RF / Getty Images

Per ulteriori ispirazioni e consigli di viaggio, ricevi direttamente nella tua casella di posta la nostra newsletter settimanale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *