mappa

Le meraviglie secondarie del mondo, l’Europa non è lasciata indietro! Patrimonio antico in Italia, siti incredibili in Grecia, architettura spagnola, … Non sei alla fine delle tue sorprese. Ecco i 10 luoghi più belli d’Europa, classificati in base al loro successo con la comunità Lonely Planet e dalle nostre 500 migliori destinazioni al mondo!

1. Il Colosseo, simbolo dell’Impero Romano (Italia)

Niente come un’arena di battaglia romana per risvegliare lo storico che dorme in te. Simbolo di spietata potenza, questo imponente anfiteatro da 50.000 posti è il più affascinante resti romani. I gladiatori si scontrarono qui e i condannati si misero a confronto con le bestie selvagge di fronte alla folla a bada. Duemila anni dopo, l’influenza esercitata da questo luogo sul visitatore è rimasta intatta.Il “Colosseo” colpisce per le sue dimensioni (Tuttavia, l’anfiteatro fu chiamato, non per le sue dimensioni, ma per il colosso di Nerone, una statua eretta nelle vicinanze). Attraversare gli 80 portici e sedersi in pochi minuti probabilmente non è stato un compito facile: scivolare nei panni di un romano e immaginare di dover stare spalla a spalla con altri spettatori. Magistrati e alti dignitari hanno preso posto nei livelli inferiori, il più vicino possibile all’azione; i cittadini ricchi occupavano quelli nel mezzo; le plebe sedevano al piano di sopra. Le donne, considerate cittadine di seconda classe, sono state relegate in cima agli spalti e costrette ad allungare il collo per intravedere lo spettacolo.
 

Nonostante l’orrore dei combattimenti, non possiamo negare la grazia e la maestosità del recinto. La visita guidata (da non perdere), piuttosto inquietante, ti rivelerà il Colosseo nel suo giorno oscuro: nelle viscere dell’arena rivelano tutto l’orrore, la violenza e la sporcizia delle lotte dei gladiatori. Questo labirinto sotterraneo, l’ipogeo, composto da corridoi e rampe contenenti gabbie, è tanto vasto quanto complesso. Immagina le grida degli animali, la puzza, il caos di uomini feriti e animali morti o morenti e capirai quanto profondamente questi spettacoli romani potrebbero essere scioccanti e sanguinanti.
Sul posto: il Colosseo si trova a 20 minuti a piedi dalla Stazione Termini di Roma. Acquista i tuoi biglietti online per evitare le code.

fotolia_29115726_subscription_monthly_m.jpg

Testimone della grande era dell'Impero romano, il Colosseo porta le stimmate dei combattimenti dei gladiatori, ancora oggi famosi.
Testimone della grande era dell’Impero romano, il Colosseo porta le stimmate dei combattimenti dei gladiatori, ancora oggi famosi. © Europhoton – fotolia.com

2. L’Alhambra, un residuo medievale dell’Andalusia musulmana (Spagna)

L’Alhambra di Granada è uno dei più spettacolari complessi monumentali medievali, e uno dei più bei campioni di arte islamica al mondo. È anche la testimonianza più tenace di otto secoli di governo musulmano illuminato nella Spagna medievale. Le torri fortificate dell’Alhambra dominano la città: le sue pareti rosse sono visibili da lontano sopra i cipressi e gli olmi, sullo sfondo delle cime innevate della Sierra Nevada. All’interno, una rete di sontuosi palazzi e giardini irrigati che hanno ispirato molti sogni e leggende. Il contrasto tra la minutia degli ornamenti e le dimensioni epiche dell’Alhambra fa tutto il suo fascino. I giardini del Generalife, con proporzioni perfette, sono una suggestiva evocazione del Paradiso, mentre l’interno dell’Alhambra brilla di bellezza soprannaturale. Al centro, i palazzi nasridi (Palacios Nazaríes), con innumerevoli sale, sono il tesoro più prezioso dell’Alhambra. Equilibrio armonioso tra spazio, luce e ombra, acqua e verde, devono immergere il sovrano nel cuore di un paradiso terrestre. Le pareti sono ricoperte di piastrelle di ceramica, muqarnas (mensole), volte e ornamenti in stucco, e il cortile dei Leoni (Patio de los Leones) è un capolavoro di intreccio geometrico islamico. In una parola, l’Alhambra è il monumento più bello dell’Andalusia e della Spagna.
Sul posto: resta nel quartiere di Albaicín ed esplora Granada a piedi. Prenota i tuoi biglietti su Internet, con largo anticipo.

fotolia_136560578_subscription_monthly_m.jpg

Vestigia medievali e testimonianza della dominazione musulmana in Andalusia, l'Alhambra rimane il monumento più bello della Spagna.
Vestigia medievali e testimonianza della dominazione musulmana in Andalusia, l’Alhambra rimane il monumento più bello della Spagna. © warpedgalerie – fotolia.com

3. Hagia Sophia, il monumento metamorfosato di Istanbul (Turchia)

Immediatamente una basilica, una moschea e un museo, Hagia Sophia (Aya Sofya) a Istanbul è diversa da qualsiasi altro monumento, sfidando la categorizzazione in quanto sfidava le leggi dell’architettura quando fu costruita 1.500 anni fa . L’imperatore bizantino Giustiniano I sognava una chiesa in grado di eclissare le meraviglie di Roma, la sua rivale, la cui maestà sarebbe stata quella di un paradiso terrestre. Il suo desiderio fu esaudito. Hagia Sophia, che divenne la principale chiesa ortodossa, domina ancora la città. È uno spazio immenso, quasi cosmico, che crea un’impressione di inaudita imponenza – tanto più per il tempo. All’interno, rivela uno ad uno i suoi tesori: enormi colonne riportate da varie città dell’antica Grecia e dell’Impero Romano, e vaste gallerie adornate con scintillanti mosaici. E poi, grandioso, che sale sopra il marmo liscio, la famosa cupola, che imita la forma della volta celeste – meglio dimenticare che è crollato più volte. La storia di Hagia Sophia è straordinaria quanto l’edificio: in effetti pochi monumenti hanno subito così tante metamorfosi. Dopo essere stato saccheggiato dai crociati, fu trasformato in una moschea dopo la cattura di Costantinopoli da parte degli ottomani nel 1453, come dimostrano i suoi quattro giganteschi minareti – sorprendentemente, le nuove moschee di Istanbul (inclusa la famosa Moschea Blu) hanno assunto questo particolarità architettonica. Nel 1935, fu profanato e trasformato in museo. Tuttavia, penetrarlo rimane un’esperienza spirituale, sia che si tratti di andare in estasi per un affresco dorato scintillante nella luce della sera, sia di abbracciare capolavori cristiani e calligrafia islamica. Come Istanbul il Magnifico, Hagia Sophia si trova al crocevia di continenti e credenze.

Sul posto: Hagia Sophia è aperta tutto l’anno. Arrivo alle 9 per evitare la folla.

fotolia_77108240_subscription_monthly_m.jpg

Successivamente basilica, moschea e poi museo, Hagia Sophia è un must da visitare quando scopri Istanbul.
Successivamente basilica, moschea e poi museo, Hagia Sophia è un must da visitare quando scopri Istanbul. © PUNTO STUDIO FOTO AG – fotolia.com

4. The British Museum, un altro gioiello nella corona (Inghilterra)

Quando Sir Hans Sloane decise di mostrare i suoi tesori e le sue curiosità, non aveva idea di cosa stesse succedendo nella sua collezione. Circa 260 anni dopo, il British Museum, con sede a Londra, è spesso considerato il più grande scrigno di tesori d’Europa. Molti dei più preziosi tesori europei e mondiali sono passati attraverso le sue sale prestigiose, che ha anche creato regolarmente controversie con le nazioni da cui provenivano. Una visita al British Museum è un vero pellegrinaggio per gli amanti dell’antichità. Ospita oggetti emblematici come la pietra di Rosetta (che ha permesso di decifrare i geroglifici) e i fregi in marmo del Partenone, nonché una sorprendente collezione di mummie e sarcofagi che avrebbero fatto impallidire l’antica Tebe.L’edificio è altrettanto impressionante – un nobile tempio neoclassico, il cui vasto cortile centrale è sormontato da uno splendido tetto di vetro inaspettatamente, firmato Norman Foster. Le nostre curiosità preferite? Il tesoro di Mildenhall, un’incredibile collezione di argenteria romana scoperta da un contadino e figurine di Lewis, pezzi degli scacchi che sono stati portati alla luce sull’isola di Lewis, in Scozia.
Sul posto:Il British Museum si trova vicino alla stazione della metropolitana Holborn. Visite guidate gratuite sono offerte da specialisti. 

fotolia_96506004_subscription_monthly_m.jpg

Situato nel cuore di Londra, il British Museum è un tesoro per gli amanti dell'antichità e facile da visitare con i bambini.
Situato nel cuore di Londra, il British Museum è un tesoro per gli amanti dell’antichità e facile da visitare con i bambini. © Claudio Divizia – fotolia.com

5. La Sagrada Familia, opera eterna incompiuta (Spagna)

Se Barcellona è orgogliosa di Antoni Gaudí, la Sagrada Família rappresenta il massimo, anche con le sue impalcature. Il sito più incredibile del mondo, questo capolavoro iconico modernista è ancora incompiuto, cento anni dopo la morte di Gaudí, e gli architetti stanno ancora lavorando ai suoi piani. Date le dimensioni di questa chiesa, passiamo prima un buon tempo a passeggiare per le strade intorno, allungando il collo per ammirare le 18 torri erette verso il cielo, prima di scrutare gli ornamenti pieni di simboli, in particolare quelli delle facciate della Passione e della Natività. Ma se l’esterno affascina, l’interno è letteralmente sublime. Una volta dentro, i visitatori sono colpiti dalla straordinaria inclinazione dei pilastri che sono rinforzati verso il soffitto e dalla luce che filtra attraverso le sontuose vetrate colorate, imitando il baldacchino di una foresta. La Sagrada Família dovrebbe essere completata tra il 2020 e il 2040.

Sul posto: la Sagrada Família si trova nel centro di Barcellona. La visita guidata, altamente consigliata, ti darà le chiavi per decifrarlo.

fotolia_134117350_subscription_monthly_m.jpg

Non riesci a trovare un'immagine della Sagrada Familia senza impalcature? È normale, il lavoro di Gaudí non è ancora finito!
Non riesci a trovare un’immagine della Sagrada Familia senza impalcature? È normale, il lavoro di Gaudí non è ancora finito! © Pavlo Vakhrushev – Fotolia.com

6. Santorini, isola dei sogni nel Mar Egeo (Grecia)

Accarezzate dal Mar Egeo, le isole delle Cicladi hanno un grande potere di seduzione. Confinante con una caldera, Santorini sfoggia un paesaggio unico. Perché accontentarsi di sabbia dorata quando ci si può sdraiarespiagge rosse e nere sostenute da scogliere multicolori 300 m di altezza? Nel cuore dell’isola, meritano una visita anche il sito minoico di Akrotiri e il villaggio di Oia (nella foto).

Sul posto: dal Pireo (Atene), conta da 5 a 9 ore di traghetto.

fotolia_46420564_subscription_monthly_m.jpg

Una vera perla nel mezzo delle Cicladi, Santorini è senza dubbio l'isola più sognante per i turisti di visitare la Grecia.
Una vera perla nel mezzo delle Cicladi, Santorini è senza dubbio l’isola più sognante per i turisti di visitare la Grecia. © Panos – fotolia.com

7. Le mura di Dubrovnik e la loro vista sul mare Adriatico (Croazia)

Le mura di Dubrovnik fanno da sfondo alle riprese di Game of Thrones. Se la telecamera scendesse in campo, si potrebbe distinguere il promontorio che avanza sul blu intenso del mare Adriatico, le torri, gli alberi delle barche che si ancorano al porto e, inoltre, le verdi isole della Dalmazia. Seguendo la passerella, esplorali bellissime fortificazioni, costruito tra il XII e il XVII secolo ed estremamente ben conservato.
Sul posto: pgoditi la vista prima dell’arrivo delle navi da crociera.

fotolia_88891332_subscription_monthly_m.jpg

All'estremo sud della Croazia, Dubrovnik si affaccia sul mare Adriatico e le sue mura sono un must per godersi il panorama.
All’estremo sud della Croazia, Dubrovnik si affaccia sul mare Adriatico e le sue mura sono un must per godersi il panorama. © gudrin – fotolia.com

8. L’Acropoli di Atene, un’antica reliquia imperdibile (Grecia)

L’Acropoli è ancora un simbolo di Atene e uno dei siti più visitati in Grecia. Cento volte attaccati, saccheggiati, assediati e incendiati da goti, eruli, persiani, veneziani e romani – per non parlare dei restauratori senza scrupoli e delle orde di avidi visitatori – è un miracolo che ci siano ancora alcuni qualcosa. Molti dei suoi tesori ci hanno ancora raggiunto. Basta vagare tra le rovine del Partenone (uno dei tre templi, risalente al V secolo a.C.), l’Odeon e il teatro di Dioniso per vivere un viaggio indietro nel tempo. E, a differenza di altri monumenti antichi come Machu Picchu o Stonehenge, l’Acropoli non è un enigma: sappiamo esattamente cosa è successoalla fine dell’età del bronzo, su questa roccia che domina Atene, grazie a Omero e ai suoi successori.

Sul posto: l’ingresso costa 12 €, ma è gratuito la prima domenica del mese in inverno. Al calar della notte, vedrai l’Acropoli scintillare in lontananza.

fotolia_138666766_subscription_monthly_m.jpg

Nonostante molti attacchi nel corso dei secoli, l'Acropoli di Atene conserva ancora alcuni resti antichi, tra cui il Partenone.
Nonostante molti attacchi nel corso dei secoli, l’Acropoli di Atene conserva ancora alcuni resti antichi, tra cui il Partenone. © samott – fotolia.com

9. Piazza San Marco, punto di incontro per turisti e piccioni di Venezia (Italia)

Nessun problema, il cameriere Caffè Florian ti ha visto. Si prende solo il suo tempo prima di servirti un caffè a un prezzo esorbitante. Dai un’occhiata a questo: ti dà il tempo di ammirare la cornice. Sei nel caffè più antico d’Italia (creato nel 1720), il una delle piazze più famose d’Europa, dove agli aristocratici e ai letterati più importanti piaceva mostrarsi durante il loro “Grand Tour”. Quando annette Venezia nel 1797, Napoleone soprannominò Piazza San Marco “il salone dell’Europa”. piazza quadrata circondata da portici, delimitata dal Canal Grande, il Palazzo Ducale e la Basilica di San Marco, oggi è meglio conosciuto per i suoi piccioni, i turisti e le inondazioni ricorrenti.
Sul posto: vieni in treno. Dalla stazione di Venezia Santa Lucia, basta seguire la folla fino a Piazza San Marco.

fotolia_103553659_subscription_monthly_m.jpg

Tra scattare foto e sciamare piccioni, prenditi il ​​tempo di sederti e goderti un caffè in Piazza San Marco, uno dei simboli di Venezia.
Tra scattare foto e sciamare piccioni, prenditi il ​​tempo di sederti e goderti un caffè in Piazza San Marco, uno dei simboli di Venezia. © AR Immagini – fotolia.com

10. Il palazzo di Versailles, un simbolo della pompa reale francese (Francia)

Oltre alle sue dimensioni impressionanti (oltre 2.000 camere e 800 acri di giardini), è forse l’opulenza del luogo che rende la reputazione della Reggia di Versailles. Il mattone più piccolo, la cornice più piccola decorata con decorazioni barocche respirare lusso. Nel diciassettesimo secolo, il Re Sole trasformò in un palazzo monumentale la residenza di caccia di suo padre, Luigi XIII, a sud-ovest di Parigi, per installare le sue migliaia di cortigiani. Versailles simbolo dell’assolutismo reale ed emblema dell’arte classica francese, divenne così la sede della corte, dal 1682 alla Rivoluzione francese. Elencato come patrimonio mondiale dell’UNESCO, il palazzo evoca con sfarzo la storia della regalità francese, nonché il susseguirsi di cospirazioni, tradimenti, intrighi amorosi e politici che si sono svolti dietro le quinte. Osserva l’immagine riflessa all’infinito in la galleria dei gelatiImmagina la regina che partorisce di fronte a una folla di cortigiani, ammira il balletto dei getti d’acqua nei giardini creati da Le Nôtre e spingi nel dominio di Maria Antonietta.

Sul posto: acquista i tuoi biglietti online. Da Parigi, la RER C corre lungo la riva sinistra fino alla stazione Versailles-Château Rive Gauche.

fotolia_86076687_subscription_monthly_m.jpg

Primo monumento francese di questa cima europea, il Palazzo di Versailles ricorda i grandi anni del Re Sole.
Primo monumento francese di questa cima europea, il Palazzo di Versailles ricorda i grandi anni del Re Sole. © Olga Tselik – fotolia.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *