mappa

In ogni città o villaggio, ci si aspetta di trovare un campanile, ma a volte ha una forma molto divertente. Rivedi le chiese più curiose da visitare durante i tuoi girovaghi.

1. Cattedrale di Saint-Front, Périgueux (Dordogne)

Quando, da alloraIsle Valleypossiamo vedere le sue cupole, ci chiediamo se siamo nel Périgord! Questa chiesa, costruita nel
XIIe secolo vicino a una chiesa primitiva, fu infatti progettato su una pianta a croce greca e coperto da cinque cupole. Un tipo di architettura che ricorda la Basilica di San Marco a Venezia, anch’essa ispirata alla Chiesa dei SS. Apostoli di Costantinopoli. Diventa una cattedrale,Saint-Front, che aveva sofferto molto, fu in gran parte ricostruito
XIXe secolo dall’architettoPaul Abadieche gli ha dato il suo aspetto attuale.

Allievo di Viollet-le-Duc, Paul Abadie (1812-1884) si ispirò a Saint-Front de Périgueux e Saint-Marc di Venezia per costruire la basilica del Sacro Cuore di Montmartre.

Cattedrale della Resurrezione, Évry (Essonne)

Cattedrale della Resurrezione, Évry (Essonne)

 

2. Cattedrale della Resurrezione, Évry (Essone)

Progettato dall’architetto svizzeroMario Botta come “una casa al piano terra distesa tra cielo e terra”, laCattedrale della Resurrezione Saint-Corbinien, costruito nel 1995 nel cuore dinuova città di Évry, sorprendente per la sua forma cilindrica (38 m di diametro) e il tetto inclinato incoronato di tigli argentati. La sua superficie è impostata con oltre 840.000 mattoni (realizzati a mano a Tolosa) disposti secondo sottili disegni geometrici che ravvivano le pareti mentre svolgono un ruolo acustico. L’altare in marmo poggia su una colonna che affonda 5 m di profondità nella cripta dove sono sepolti i vescovi.

La cattedrale di Évry (cathedrale-evry.cef.fr), che può ospitare 1400 persone, è l’unica ad essere stata costruita in Francia nel XX secolo.

 

 

Abbazia di troglodita

Abbazia troglodita di Saint-Roman, Beaucaire

3. Abbazia troglodita di Saint-Roman, Beaucaire (Gard)

L’unico abbazia troglodita L’Europa occidentale è anche uno dei monasteri più antichi di Francia. Interamente scavato nelle altezze di una collina, testimonia una storia millenaria. Dal

Ve secolo, gli eremiti poi i monaci allargano le cavità naturali della collina, scavano nel calcare e allestiscono cappella, celle e sale comuni. Per più di 1000 anni, occuperanno questo posto. Oggi possiamo ancora entrare nella cappella di oltre 1000 m2, caratterizzato da una volta romanica e un seggio di priore tagliato nel muro.

La passeggiata nella macchia e il panorama sui meandri del Rodano aumentano il piacere della scoperta (www.abbaye-saint-roman.com)

Chiesa di Saint-Michel-de-Thiérache

Chiesa di Saint-Michel-de-Thiérache

 

 

4. Chiese fortificate di Thiérache (Aisne)

Nel mezzo di un paesaggio di colline e verdi boschi, sorgono, inaspettati, coperti da torri angolari, sotterranei, feritoie o torri di guardia. Oggi, il contrasto tra la tranquillità della campagna delle creste pre-congeniane e l’imbragatura delle sue chiese è sorprendente. Ma nel Medioevo, in assenza di castelli, la popolazione non aveva altra scelta che fortificare le chiese e le case per proteggersi dai soldati che schiumavano questo territorio.

Il percorso delle chiese fortificate attraversa i villaggi di Aouste (il XVI secolo è trafitto da cannoniere), Signy-le-Petit, Servion e Liart (chiesa con torre fortificata del XV secolo).

Chiesa di Santa Caterina, Honfleur

Chiesa di Santa Caterina, Honfleur

 

 

5. Chiesa di Santa Caterina, Honfleur (Calvados)

Una navata progettata da falegnami marini non è sorprendente. E quando la navata in questione non è una barca, ma quella di una chiesa, c’è qualcosa che si strofina gli occhi. Eppure il soffitto in legno di Chiesa di Santa Caterina, à Honfleur, ha la forma di uno scafo di nave rovesciata! Alla fine della Guerra dei Cent’anni, i carpentieri portuali furono chiamati a sostituire la cappella di pietra che era stata distrutta: secondo le versioni, o i muratori erano troppo occupati a ricostruire la città, o la pietra era riservata per fortificazioni. Qualche decennio più tardi, l’aggiunta di una navata gemella formò due scafi fianco a fianco.

Un’altra originalità: il campanile, coperto di specie di castagni, è a pochi metri di distanza.

Cappella Cocteau

Cappella Cocteau, Villefranche-sur-Mer

 

 

6. Cappella Cocteau, Villefranche-sur-Mer (Alpi marittime)

Il piccolo Cappella di San Pietro, situato sul lungomare di Villefranche, è stato interamente decorato da Jean Cocteau nel 1956-1957, con l’aiuto di molti artigiani locali. Jean Cocteau impiegò sei anni per convincere i pescatori a lavorare su questo edificio, che era anche la sede della loro prud’homie. Le decorazioni simboliche, segnate e coperte di paraffina, ci trasportano nel cuore delle usanze locali e delle credenze religiose. Riconosciamo anche alcuni volti, come quello di Jean Marais, il compagno di Cocteau, o quello del chitarrista Django Reinhardt.

La cappella è aperta tutti i giorni, tutto l’anno.

Chiesa di Saint-Jean-de-Montmartre, Parigi

Chiesa di Saint-Jean-de-Montmartre, Parigi

 

 

7. Chiesa di Saint-Jean-de-Montmartre (Parigi)

Tutta vestita di mattoni, questa chiesa si apre sul Piazza delle Abbadesse da un alto portale incorniciato da due torrette ottagonali offre un sorprendente contrasto con le case circostanti, tipiche del vecchia Montmartre. Un’intera serie di archi e curve evidenziati da un decoro in ceramica smaltata conferisce un po ‘di aria orientale e lo attacca alArt nouveau. Costruito tra il 1894 e il 1904 dall’architetto Anatole di BaudotDiscepolo di Viollet-le-Duc, questa chiesa fu costruita in cemento armato, una tecnica allora completamente nuova. Da dove questi pilastri di 25 m di altezza per soli 50 cm di larghezza hanno reso contemporanei i brividi!

Un bellissimo fonte battesimale, realizzato dall’orafo Goudji nel 2007, risponde anche allo spirito del luogo. Visita il sito Web saintjeandemontmartre.com

Notre-Dame-du-Haut-Chapel

Notre-Dame-du-Haut Chiesa di Ronchamp

 

 

8. Cappella Notre-Dame di Haut de Ronchamp (Alta Saona)

Costruito su una collina alta 472 m, domina la città di Sion Ronchamp. È stato progettato dal famoso architetto Le Corbusiercompletato nel 1955. L’edificio, interamente costruito in cemento, colpisce per la sua purezza di linee arrotondate e pareti bianche. Nonostante le dimensioni ridotte, l’interno sembra spazioso, mentre invita il ricordo grazie a un vero gioco di luci. “Volevo creare un luogo di silenzio, preghiera, pace, gioia interiore”, ha detto Le Corbusier dopo la costruzione.

La cappella è aperta tutti i giorni dell’anno tranne il 1 gennaio. Consultare gli orari sul sito www.chapellederonchamp.fr

Chiesa monolitica

Interno della chiesa di Aubeterre-sur-Dronne

 

 

9. Chiesa monolitica di Aubeterre-sur-Dronne (Charente)

Atipica, la chiesa sotterranea San Giovanni d’Aubeterre-sur-Dronne appartiene al mondo paleocristiano, anche pagano dalla fine dell’antichità romana. Scavato in una scogliera calcarea a
VIIe secolo, notevolmente ampliato
XIIe secolo dai monaci benedettini, questo vasto santuario monolitico ha una navata con archi semicircolari di 20 m di altezza. Da vedere, il suo imponente reliquiario ispirato Santo Sepolcro di Gerusalemme, un tesoro delArte romanica. La chiesa rupestre contiene anche un fonte battesimale decorato con una croce greca e sarcofagi. Ci immergiamo qui alle fonti della fede medievale.

Il villaggio di Aubeterre-sur-Dronne, classificato tra i più belli di Francia, merita di indugiare, se non altro per ammirare il bellissimo ingresso del castello al vecchio castello feudale.

Cattedrale di Saint-Samson, Dol-de-Bretagne, Ille-et-Vilaine

Cattedrale di Saint-Samson, Dol-de-Bretagne, Ille-et-Vilaine

 

 

10. Cattedrale di Saint-Samson, Dol-de-Bretagne (Ille-et-Vilaine)

il Cattedrale di San Sansone è allo stesso tempo uno dei monumenti più importanti della Bretagna e uno dei più sorprendenti. Bruciato nel 1203 da Jean sans Terre, re d’Inghilterra, fu anche ricostruito sotto i suoi ordini. Ciò si traduce in due caratteristiche sorprendenti. Questo mostro di austerità gotica, lungo 100 metri e alto 20, ha inizialmente qualcosa di traballante: una delle due torri che incorniciano la sua facciata ovest è davvero incompiuta a causa della mancanza di finanziamenti. Originariamente costruito in a Stile romanico di cui conserva alcuni elementi, la cattedrale mostra anche a stile inglese, così Stendhal è arrivato al punto di paragonarlo al Cattedrale di Salisbury, nel 1837.

Secondo una tradizione locale, un sotterraneo collegherebbe la Cattedrale di Saint-Samson al Monte Dol.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *