mappa

Partecipa all’asta, goditi i crostacei mentre guardi il balletto di barche colorate: che si tratti del Canale, sull’Atlantico o sulla costa mediterranea, il piacere è lo stesso.

1. Douarnenez e Le Conquet (Finistère)

Se il Finistère è il paradiso dei porticcioli pittoreschi, Douarnenez e Il Conquet sono i migliori del mondo, soprattutto perché un quinto della produzione mondiale di tonno viene sbarcato nel primo e il secondo è uno dei primi in Francia a catturare i crostacei. Il balletto dei pescatori e gli straordinari contrasti tra cere gialle, boe rosse e armadietti azzurri assicurano un’immagine da cartolina in ogni stagione. Nel cuore delle città, l’architettura è testimone del loro ricco passato marittimo.
A Douarnenez, non perdete l’occasione di visitare il Port-Museum, sul livello dell’acqua di Port-Rhu.

Douarnenez, Finistere, Francia.

Douarnenez, Finistere, Francia.

2. Port-Vendres (Pirenei orientali)

3 km a sud di Collioureai piedi delle scogliere dominate dai bastioni di Fort Béar, costruito da Vauban, Port-Vendres sfugge al cemento del litorale. Questo grazioso porto, dove pratichiamo ancora la pesca di lamparo, è anche un centro del commercio di frutta e accoglie navi da carico di tutto il mondo. Fondato dai Fenici, il porto, sostenuto dal massiccio Albères, ha conservato gli accenti e i colori di un vero bancone mediterraneo. Sulle banchine si erge un obelisco che rende omaggio Luigi XVI. C’è anche una chiesa affascinante e una scultura (monumento ai caduti) di Maillol, che visse a Banyuls-sur-Mer.
I pescatori hanno un appuntamento sul molo e sul molo dell’asta, luoghi famosi della Côte Vermeille. Bar e congressi sul menu.

Port-Vendres, Pirenei orientali, Francia.

Port-Vendres, Pirenei orientali, Francia.

3. Erquy (Côtes-d’Armor)

Erquy, il cui porto ha una flotta di 80 imbarcazioni, è noto per essere il capitale della conchiglia. La stagione di St. Jacques, che va da ottobre ad aprile, è uno spettacolo molto bello quando le barche sbarcano i loro crostacei che pescano nel porto. Ma Erquy, è anche la costa di Penthièvre in tutto il suo splendore, le sue scogliere, le sue brughiere selvagge e colorate e i suoi lunghi scioperi. Per saperne di più sul mondo della pesca, non esitare a partecipare all’asta. Ogni 3 anni (in rotazione con Saint-Quay-Portrieux e Loguivy-de-la-Mer) Shell Festival. La prossima edizione di Erquy è prevista per 2014.

Per assaggiare le capesante, vai a L’Escurial, che offre una cucina fresca e originale. St. Jacques è servito da ottobre ad aprile.

4. Mortagne-sur-Gironde (Charente-Maritime)

Un canale che taglia dritto attraverso le paludi del Grande Roselière porta barche da pesca e da diporto al porto di Mortagne-sur-Gironde. Nella sua parte alta, questo affascinante Distretto di Charentais, che prende il nome da un’antica colonia moresca, offre viste mozzafiato l’estuario della Gironda. In fondo ascogliere morte Le banchine sono circondate da case in pietra bianca e vecchi mulini. Terre-neuvas, sottobicchieri ed edifici del Royal vennero a ormeggiare lì una volta. La pesca locale porta nelle sue reti lamprede e pibales (leve). Da gustare al tavolo di Café de la Rive.
Nelle vicinanze, l’eremo monolitico Saint-Martial, che risale agli inizi dell’era cristiana, trasporta il visitatore in Cappadocia.

5. La Turballe e Le Croisic (Loira atlantica)

Su entrambi i lati dei due punti della penisola di Guérande, La Turballe e The Croisic sono animati da un incessante andirivieni di barche. Anche se l’attività di pesca non è quella che era, essi costituiscono i due 5o porto di pesca francese. La Turballe è in testa al pesca dell’acciuga e sardina, e Le Croisic per il pesca di gamberi. Dobbiamo vedere l’arrivo delle barche, la mattina presto a La Turballe, e partecipare all’asta del porto. Passeggia lungo le antiche banchine della Croisic, fiancheggiate da splendide case dal XV al XVII secolo costruite da armatori, commercianti o capitani, osservando le barche che pescano crostacei nell’armadietto.
Oltre ai loro porti e alle loro spiagge, Le Croisic ha il suo Océarium e la costa selvaggia, e La Turballe una spiaggia lunga 5 km nota per il windsurf.

Le Croisic, Loire-Atlantique, Francia.

Le Croisic, Loire-Atlantique, Francia.

6. Saint-Valery-sur-Somme (Somme)

All’ingresso di l’estuario della Sommenel mezzo di una campagna incontaminata spazzata dall’aria del mare, Saint-Valery e il suo di fronte, The Crotoy, sono i porti più affascinanti a nord di Parigi. I navigatori stanno gradualmente sostituendo i pescatori, ma la città medievale di Saint-Valery, da dove Guglielmo il Conquistatore con l’assalto dell’Inghilterra, rimane un luogo di villeggiatura ideale per chi vuole evitare le masse di turisti. Non sorprende che abbia ispirato i più grandi scrittori, Victor Hugo à Anatole France, passando per Colette o Julien Green.

Durante la festa del mare, il secondo fine settimana di agosto, il villaggio rende omaggio ai pescatori dispersi in mare.

Saint-Valery-sur-Somme, Somme, Francia.

Saint-Valery-sur-Somme, Somme, Francia.

7. Dieppe (Senna marittima)

Destino eccezionale quello di porto di Dieppe : fondata da Vikings, il primo porto di pesca nel XVI secolo, il punto di partenza degli scopritori di San Lorenzo, potere commerciale grazie alle sue navi in ​​partenza per le Americhe, l’Africa e l’Asia. Ma forse il più sorprendente è stato lo sviluppo di una parte del porto prima stazione balneare della Francia, importante per tutto il diciannovesimo secolo, mentre dall’altra parte i lavoratori marittimi stavano tagliando. il Distretto di pollet, con le sue antiche case di pescatori in mattoni, è il più pittoresco e pittoresco vestigia di questo passato che persiste intorno al bacino del Duquesne.
Ci sono innumerevoli pittori ispirati alla costa di Dieppe: Delacroix, Monet, Degas, Whistler o Renoir sono tra questi. www.dieppetourisme.com

8. Saint-Jean-de-Luz (Pirenei atlantici)

La grande spiaggia di Saint-Jean-de-Luz quasi dimenticherei che questa piacevole località balneare, protetta da imponenti dighe costruite sotto Napoleone III, deve il suo sviluppo alla caccia alle balene e al merluzzo al largo delle coste del Terranova. Ha permesso ai proprietari locali di fare fortuna, come dimostra il bellissimo patrimonio architettonico della città. Oggi Saint-Jean-de-Luz ospita ancora a affascinante porto peschereccio dove tonno bagnato e sardine, vicino alla foce della Nivelle.
Partendo da Saint-Jean-de-Luz, la barca Nivelle organizza battute di pesca in mare (www.croisiere-saintjeandeluz.com).

Saint-Jean-de-Luz, Pyrénées-Atlantiques, Francia.

Saint-Jean-de-Luz, Pirenei atlantici, Francia.

9. Barfleur (canale)

il piccolo porto di Barfleurstabilito all’estremità orientale di Cotentin, su una lingua di terra, ti fa venire voglia di ormeggiare lì. Numerosi depositi naturali di cozze fanno vivere la piccola località di 670 abitanti, che li ha resi la loro specialità, la «Bionda di Barfleur “. Con la bassa marea, le case di granito osservano i pescherecci che riposano sul fango. Si dice che la nave che portò Guglielmo il Conquistatore a Hastings fosse costruita qui. Esattamente 800 anni dopo, i venti notoriamente virulenti del Cotentin hanno spinto le autorità a creare qui prima stazione di soccorso in mare.
Barfleur è l’unico comune del dipartimento ad essere stato distinto tra i “borghi più belli di Francia. ” www.ville-barfleur.fr

10. Sète (Hérault)

La pesca ha forgiato, nel corso dei secoli, l’identità della città e ritma ancora il balletto quotidiano che anima i canali e il vecchio porto. Con 35 pescherecci da traino e 116 “piccole imbarcazioni” (imbarcazioni di lunghezza inferiore a 18 m), il primo porto di pesca nel Mediterraneo rivela una personalità autentica e popolare. Soprannominato il “isola singolare », Sète si apre su due sponde: una marina, l’altra di acqua dolce. Al largo della costa è la pesca fresca trovata sulle bancarelle del mercato centrale. Thau e il suo stagno porticciolo tipico della Pointe CourteCome dimenticato dalla città, vengono restituite le ostriche, che vengono mangiate a buon prezzo.
Da non perdere il mercato delle sale centrali, il luogo più alto della vita di Sète, ogni mattina fino alle 13h!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *