mappa

Sia per l’orgoglioso attributo che adorna il labbro superiore dei loro cittadini o per le loro celebrazioni dei baffi divini, qui ci sono 10 luoghi in tutto il mondo che delimitano l’eccellenza pelosa. E non solo per il Movember!

1. I famosi baffi del Rajasthan, in India

In Rajasthan, in India, è raro incontrare un uomo senza i baffi, poiché la presenza di questo attributo è a simbolo immemorabile della virilità. La tendenza è quella di far crescere i baffi a vertigini. Non sorprende quindi che il record mondiale dell’uomo vivo qui. Se lo incontri – vive a Jaipur – lo riconoscerai con la sua impressionante appendice lunga 4 m. Un altro punto forte di questo orgoglioso attributo è la Fiera del cammello di Pushkar, che si tiene ogni anno. Una volta che i 200.000 agricoltori del Rajasthan hanno scambiato i loro animali, competeranno con i capelli durante la gara dei baffi.
Dall’8 al 14 novembre, ci riuniamo tra i baffi durante la fiera dei cammelli di Pushkar. Vedi www.rajasthantourism.gov.in.

moustache2.jpg

Gruppo di giovani indiani

2. Mustached Film Festival a Portland, Stati Uniti

A Portland, negli Stati Uniti, a marzo gli uomini con le labbra pelose si moltiplicano al Facial Hair Fest. Tra le figure figurative il Moustache Film Festival, che programma film dedicati a Salvador Dalí, Jesus, hippy o persino agli alpinisti. Degno di nota è anche lo Stash of the Titans, che ospita gruppi di musicisti di baffi, e il mercato degli agricoltori di capelli facciali, dove è possibile acquistare prodotti di “manutenzione”. Il fiore all’occhiello del festival, lo spettacolo dei baffi, vede audaci moustachus competere in varie categorie, tra cui il Magnum (baffi naturali, senza cera), in riferimento al famoso detective.
Programma completo su www.facialhairfest.com.

3. gli imponenti baffi di Budapest, in Ungheria

I baffi ungheresi sono così caratteristici – imponenti e folti, a partire dal centro del labbro e salendo su ciascun lato – che gli viene dato un una categoria speciale ai Campionati mondiali di barba e baffi. Anche la valuta nazionale celebra questo tratto fisiologico: la banconota da 20.000 fiorini rappresenta quindi lo statista Ferenc Deák in tutto il suo maestoso riccio. Bastione del genere, Budapest ospita l’Ungherese Moustache Fellowship, una fratellanza che mira a ripristinare il prestigio dei baffi ungheresi. Come ricorda il suo slogan, “i baffi ungheresi sono più che semplici capelli”. A proposito, la paprika preferita dalle spezie ungheresi dovrebbe stimolare la crescita dei baffi.

Visita il sito web dell’associazione, www.magyarbajusz.hu, per ammirare splendidi esempi di talenti per capelli.

4. i baffi storici di Trondheim, Norvegia

Mille anni fa, i re vichinghi governavano da Trondeim, allora capitale della Norvegia, sede dei primi portatori di favolosi baccanti. Passeggiando tra questi venerabili edifici e questa cittadella fortificata, ci si sentirebbe quasi spingendo i baffi (eppure, dati i numerosi strumenti per la rasatura che si trovano sul cimitero, gli archeologi ora credono che il cliché del vichingo barbuto sfrenato sia un mito è un mito ). Trondheim, l’unica città ad aver ospitato due volte i campionati del mondo, è anche la patria dei potenti Club dei baffi norvegese (Www.dnm91.no).
Visita la Norvegia (www.visitnorway.com) fornisce informazioni su
i siti da visitare a Trondheim.

5. I baffi politici a Istanbul, in Turchia

In Turchia, l’importanza dei baffi è tale cherecita persino un ruolo sulla scena politica : un modello imponente può indicare la sensibilità mancina, mentre il prototipo a forma di mandorla è un segno di conservatorismo. Circa un terzo dei turchi indossa i baffi e quando si rifiutano di spingere, ci consoliamo con gli impianti. Istanbul è persino diventata la capitale mondiale della procedura. La città brilla anche con i suoi giardini del tè, dove baffi di ogni genere si riuniscono per sorseggiare la loro bevanda calda e giocare a backgammon.
Il Derviş (Mimar Mehmet Ağa Caddesi), un giardino da tè situato di fronte alla Moschea Blu, ospita i baffi.

moustache1.jpg

Collezione di baffi

6. I baffi femminili in Messico, Messico

Impossibile trascurare qui i baffi femminili – nessuno è migliore di Frida Kahlo. L’artista ribelle ha raffigurato il suo sopracciglio e i suoi baffi unici in molti autoritratti, senza mai preoccuparsi di cosa dire. La casa blu in cui ha trascorso gran parte della sua vita, oggi museo e luogo di pellegrinaggio, si trova nel quartiere bohémien di Coyoacán. Sul posto, vedrai i suoi vestiti, i suoi libri e le sue opere, nonché il letto in cui è rimasta a lungo inchiodata dalla malattia. Sotto il baldacchino, notate lo specchio in cui i baffi divini consultarono il suo riflesso.
Il Museo Frida Kahlo (www.museofridakahlo.org.mx) offre un tuffo intimo nella vita dell’artista messicano.

7. Incontri sui baffi a Londra, Regno Unito

Da integrare il club del manubrioa Londra, dovrebbe essere dotato di una “appendice irsuta sul labbro superiore, con le estremità che potrebbero essere colte”. Fondato nel 1947 per stabilire la dominazione del modello molto inclinato (pensa Mr. Monopoly), il club si riunisce ogni mese in un pub Marylebone per discutere di vari argomenti: tecniche di lisciatura, tazze di baffi (appositamente progettate per evitare incidenti ) e snood (banda utilizzata per tenere in posizione l’appendice durante il sonno). Questi signori pubblicano persino un calendario insolente che mostra i loro attributi pelosi.

Il Handlebar Club (www.handlebarclub.co.uk) si riunisce il primo venerdì del mese.

8. Libertà in stile baffi nella Foresta Nera, in Germania

La Foresta Nera in Germania non riguarda solo i suoi orologi a cucù, i suoi boschi profondi e la sua famosa torta al cioccolato ciliegia: è anche la culla dei Mondiali dei baffi, nato nella frazione di Höfen an der Enz nel 1990. Per quanto riguarda la vicina città di Pforzheim, che ha ospitato la seconda edizione, organizza da tempo il campionato nazionale. I “club dei baffi” proliferano e incoraggiano la libertà di stile tra i suoi membri: la variante Fu Manchu, la linea sottile nella moda dei gangster, dove creazioni libere e accattivanti. Comprendiamo meglio perché il campione del mondo viene spesso da questi paesi.
Maggiori informazioni sulla regione sul sito web del Consiglio del turismo della Foresta Nera (www.blackforest-tourism.com).

9. Liverpool, Regno Unito

In termini di baffi, Liverpool offre un vero pot-pourri. Prima di tutto i Beatles. Come tutti sanno, i quattro giovani hanno iniziato a Liverpool – una storia raccontata dal Beatles Story Museum. Osserva l’evoluzione delle loro labbra superiori nel corso degli anni e vedi come il loro climax musicale coincide con la loro gloria pelosa (era Sgt Pepper). Nelle vicinanze, il Merseyside Maritime Museum è dedicato alla storia delle navi e del porto di Liverpool, con alcuni baffi pelosi in più. La mostra “Moustaches from the Past”, online, presenta impiegati dell’azienda locale, uomini forti in grado di “radersi in mare durante una tempesta”.
Ammira i baffi “Fab Four” alla Beatles Story (www.beatlesstory.com) e il Merseyside Maritime Museum su www.liverpoolmuseums.org.uk/maritime (fai clic su “Archivi” e poi “Esposizioni e mostre online”) “).

10. Austin, Texas, Stati Uniti

Nel centro di Austin, ne vedrai molti baffuti che immergono le loro formidabili crescite pelose nella birra e nella carne alla griglia. La maggior parte appartiene all’Austin Facial Hair Club, un club di feroci concorrenti che spediscono più baffi all’estero rispetto a qualsiasi altra città del mondo. Quest’anno vedrai ancora di più, intrecciare e raddrizzare le loro spettacolari toppe per il grande evento internazionale che si svolgerà qui nel 2017 – un evento di due anni organizzato dalla World Beard and Moustache Association.
Il sito web del Austin Facial Hair Club (www.austinfacialhairclub.com) informa su vari eventi. Il manubrio (www.handlebaraustin.com) è una taverna del centro che onora i baffi.

Karla Zimmerman

COV-bestof-2016_2_0-2.jpg


Tutte le tendenze di viaggio nel 2016 si trovano nel Best of Lonely Planet.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *