mappa

Man mano che i giorni si accorciano e le temperature scendono, alcuni vanno in vacanza al sole per scongiurare il gelo nascente quando altri si preparano ad affrontare l’inverno e andare al freddo. Ecco le nostre cinque destinazioni preferite per goderti il ​​mese di ottobre.

1. Bolivia

Perché ad ottobre? Per vivere un’autentica avventura. Molti viaggiatori che hanno viaggiato in Sud America affermano di aver preferito la Bolivia. Vario, spettacolare e al limite dell’inaccessibile, i suoi paesaggi rimangono preservati. Il paese è a Concentrato sudamericano, che unisce vette andine innevate, vallate amazzoniche nebbiose, laghi irreali, deserto di sale, tesori coloniali e vestigia di antiche civiltà. L’inverno, secco, è la stagione più piacevole da percorrere. Ad ottobre, alla fine della stagione secca, le strade, generalmente prive di fango, sono percorribili, il cielo è blu brillante, le temperature si stanno riscaldando e le folle dell’alta stagione sono sparite. Esplorare le montagne e il territorio grezzo dell’Altiplano può essere difficile, ma lo è la garanzia di una vera avventura

Organizzati: in 2-3 settimane, puoi visitare La Paz, rimanere in un’ecolodge dell’Amazzonia, vedere il Lago Titicaca, contemplare le rovine precolombiane di Tiwanaku, esplorare il Sucre coloniale e ammirare la miniera d’argento di Potosi, le distese scintillanti di Salar de Uyuni e i laghi multicolori dell’Altiplano. Aggiungi infine La Higuera, dove fu catturato ed eseguito Che Guevara e le missioni gesuite di Chiquitos.
Per sapere: il costo della vita è basso in Bolivia; i viaggiatori in economia possono cavarsela con 15 euro al giorno.

adobestock_27074716.jpeg

Esplorare le montagne e il territorio grezzo dell'Altiplano può essere difficile, ma è la garanzia di una vera avventura!
Esplorare le montagne e il territorio grezzo dell’Altiplano può essere difficile, ma è la garanzia di una vera avventura! © matteobertolino – Adobe Stock

2. Taiwan

Perché ad ottobre? Per esplorare l’isola fuori dai sentieri battuti e al momento migliore. Taiwan è sorprendente. La sua economia crebbe rapidamente e sull’isola si stabilì una cultura sia cosmopolita che decisamente taiwanese. In effetti, il paese ha di meglio riuscito a preservare le sue tradizioni della Cina continentale. La sua cucina, che combina piatti cinesi e giapponesi, specialità di Hakka e cibo di strada, è sensazionale. L’autunno è il momento migliore per visitare l’isola : è più fresco e meno umido che in estate, le persone iniziano a fare il bagno nelle sorgenti calde e le foglie di acero si tingono di rosso. Le acque sono ancora calde per lo snorkeling nel Kenting National Park, vicino al mare, e il tempo è favorevole alle escursioni nella catena montuosa Alishan.


Organizzati: pianificare 2 settimane ed esplorare Taiwan in treno – la rete ferroviaria collega le principali città ai parchi nazionali; il Forest Train attraversa le montagne Alishan.
Per sapere: i traghetti viaggiano tra la Cina continentale e Taiwan.

adobestock_105176609.jpeg

L'autunno è il momento migliore per visitare l'isola: è più fresco e meno umido rispetto all'estate
L’autunno è il momento migliore per visitare l’isola: è più fresco e meno umido rispetto all’estate © Ni_photo – Adobe Stock

3. Bhutan

Perché ad ottobre?Per il cielo, la vista e i percorsi liberi.
Questo paradiso himalayano misura il suo successo in termini di felicità nazionale lorda piuttosto che di ricchezza materiale, e la maggior parte delle persone vive lì guidata da valori e spiritualità tradizionali. Ottobre è il mese più bello dell’anno: le temperature piacevoli e il cielo blu sono l’ideale per escursioni e visite turistiche e le gru dal collo nero dal collo raro arrivano nella valle di Phobjikha (dove rimangono fino al a febbraio). A livello culturale, molti dzong (monasteri-fortezze), a cui si accede da bellissime strade, sono teatro di tsechu (festival buddisti) in quel momento – tra cui Thimphu e Gangtey. Gli atleti apprezzeranno le escursioni in montagna; ce n’è per tutti i livelli, dall’imperdibile scalata di mezza giornata al Monastero del Tigre, Jhomolhari, un trekking di 7 giorni in una delle parti più incontaminate dell’Himalaya.

Organizzati: in 7-10 giorni, puoi fare un tour tra Paro, Thimphu e Punakha, tra cui tour di dzong, panorami, brevi escursioni e attività tradizionali (tiro con l’arco, bagno di pietre calde). Concedi più tempo per escursioni più lunghe.
Per sapere:I visitatori devono pagare una tassa di soggiorno di US $ 250 al giorno (US $ 200 dicembre-febbraio e giugno-agosto).

iStock-narvikk-bhoutan.jpg

Monaco nel tempio di Punakha
Monaco nel tempio di Punakha © narvikk – iStock

4. Coromandel Peninsula, Nuova Zelanda

Perché ad ottobre? Per godersi la primavera australe. La penisola di Coromandel, che si protende nel Pacifico, gode uno dei climi più piacevoli del paeseSi trova a soli 90 minuti di auto da Auckland. È una destinazione popolare per i neozelandesi. Nel mese di ottobre, troverete temperature molto piacevoli e meno persone che in estate (Se fa freddo, puoi scaldarti al centro benessere di Hot Water Beach). La penisola è costellata di località che ospitano gallerie d’arte (patrimonio di un afflusso di artisti negli anni ’60) e la sua topografia – una lussureggiante dorsale montuosa fiancheggiata da scogliere e spiagge dorate – si presta alle corse in auto. Gli atleti saranno soddisfattiTra l’Hauraki Rail Trail, le cime da scalare e il kayak attorno alla Cathedrale Cove. Ma puoi anche atterrare in un bar sulla costa di fronte al panorama.

Organizzati: concedi 3 o 4 giorni per esplorare la penisola. Il Tamigi (costa occidentale) e Whitianga (est) sono le città principali.
Per sapere: Settembre / ottobre è l’inizio della stagione delle capesante; goditeli sulla spianata di Whitianga.

adobestock_112162315.jpeg

 La penisola di Coromandel, che si protende nel Pacifico, gode di uno dei climi più piacevoli del paese e dista solo un'ora e mezza di auto da Auckland.
La penisola di Coromandel, che si protende nel Pacifico, gode di uno dei climi più piacevoli del paese e dista solo un’ora e mezza di auto da Auckland. © Fyle – Adobe Stock

5. Namibia

Perché ad ottobre? Osservare la fauna selvatica nel momento più favorevole. Alla fine della stagione secca in Namibia, le temperature stanno salendo, il cielo è blu senza nuvole, la macchia si sta prosciugando e gli animali si stanno radunando intorno ai punti d’acqua che si stanno restringendo. Il parco nazionale di Etosha è la riserva più famosa del paese ; Durante questo periodo, vedrai elefanti, giraffe, zebre, rinoceronti e grandi felini in padella, un deserto salato. Grazie all’eccellente rete stradale, è facile andare in un safari con il proprio veicolo: dovrai solo fermarti vicino a un punto d’acqua e aspettare gli animali. Per vedere rinoceronti ed elefanti neri, vai a Damaraland. A Walvis Bay, sulla costa selvaggia, le megattere migrano da luglio a novembre.

Organizzati: da Windhoek, dirigiti verso il deserto del Namib per ammirare le dune di Sossusvlei, quindi Swakopmund ed Etosha via Damaraland. Soggiorna in una fattoria in montagna. Concedi 2 settimane.
Per sapere: il Windhoek Beer Festival (Oktoberfest) si svolge alla fine di ottobre

adobestock_133845874.jpeg

Sossusvlei, un deserto di sale (salar) e argilla nel deserto del Namib
Sossusvlei, un deserto di sale (salar) e argilla nel deserto del Namib © Radek – Adobe Stock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *